Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

» Fiscale

Patent Box

Patent Box

Si tratta di un regime fiscale agevolativo di tassazione dei beni immateriali (brevetti, marchi, know-how, disegni, modelli) consistente in una detassazione parziale del reddito derivante dall’utilizzo degli stessi.

1442911744685-Q2I0JCYU-thumbnail-21043

 

a) Soggetti beneficiari

L’applicazione del regime in questione si rivolge a tutti i titolari di reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali), che siano titolari del bene immateriale o che hanno diritto allo sfruttamento economico dello stesso.

E’ previsto espressamente dal decreto attuativo che l’azienda sia dotata di un adeguato sistema di rilevazione contabile o extracontabile del collegamento tra costi, beni immateriali e reddito derivanti dai medesimi.

b) Ambito applicativo dell’agevolazione

Il beneficio riguarda le opere dell’ingegno e altri beni immateriali, quali marchi, brevetti, software, know-how, disegni, modelli, processi, formule o informazioni relative ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale e scientifico, giuridicamente tutelabili. Il riferimento al software deve essere interpretato restrittivamente includendo nell’ambito applicativo dell’incentivo il solo software e non anche le banche dati.

Ai fini del calcolo delle agevolazioni assumono rilievo, oltre al reddito derivante dell’utilizzo dei beni immateriali, anche le attività di ricerca e sviluppo finalizzate al mantenimento e accrescimento del valore dei beni immateriali. Tra queste attività rientrano: la ricerca fondamentale, la ricerca applicata, il design, l’ideazione e la realizzazione del software, le ricerche preventive, i test e le ricerche di mercato, le attività di presentazione, comunicazione e promozione relative al marchio.

c) Misura del beneficio

L’agevolazione consiste in una detassazione parziale (ai fini Ires e Irap) del reddito derivante dall’utilizzo dei beni immateriali sopra citati.

Tale beneficio spetta sia nel caso di sfruttamento diretto del bene (quindi impiegato direttamente nell’attività di impresa) sia nel caso di sfruttamento indiretto (mediante concessione a terzi a fronte di incasso di royalties periodiche o una tantum).

d) Modalità di accesso

L’assoggettamento al regime agevolativo è facoltativa ma condizionata allo svolgimento diretto o indiretto di attività di ricerca e sviluppo, anche mediante contratti di ricerca stipulati con terzi, quali università, enti di ricerca o organismi equiparati. Una volta esercitata l’opzione ha validità per cinque esercizi ed è irrevocabile e rinnovabile.
In caso di utilizzo diretto del bene immateriale da parte del soggetto proprietario, il «patent box» si applica solo previa sottoscrizione di un accordo con l’Agenzia delle Entrate.

Fiscale

Comments are closed.

« »