Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

Untitled-1

 

Sintesi sulle novità introdotte dal D.Lgs. 151/2015 – una evoluzione normativa adeguata alle esigenze dell’evoluzione tecnologica.

Di recente il Governo a revisionato la disciplina dei controlli a distanza sugli impianti e strumenti di lavoro, tenendo conto dell’evoluzione tecnologica e contemperando le esigenze produttive ed organizzative dell’impresa con la tutela della dignità e della riservatezza del lavoratore.

IL DIVIETO

C’è subito da evidenziare che la tutela di tali principi, già contenuta nella precedente versione dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori (installazione dei impianti audiovisivi e di altri strumenti simili), permane ed è sostanzialmente confermata anche nella nuova e rivista formulazione dell’articolo stesso. Tuttavia, seppur ribadita l’esclusione di qualsiasi tipo di controllo a distanza finalizzato esclusivamente alla verifica dell’esatto adempimento della prestazione lavorativa, si apre tale possibilità di controllo attraverso strumenti di videosorveglianza, se sussistono esigenze organizzative e produttive e connesse alla sicurezza del lavoro, e (questa la novità legislativa) connesse alla tutela del patrimonio aziendale.

PRESUPPOSTO E PROCEDURA

Resta confermata l’esigenza di sottoscrivere un accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o territoriali o con il sindacato maggiormente rappresentativo sul piano nazionale qualora l’azienda abbia più sedi localizzate in diverse regioni o province del territorio nazionale; in mancanza di questo accordo, resta la possibilità di richiedere l’autorizzazione al Ministero.

QUANDO NON SERVE L’ACCORDO

Non soggiacciono al regime generale che impone in via preventiva l’accordo sindacale o in subordine l’autorizzazione amministrativa gli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione lavorativa e gli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze; pertanto la dotazione di tali strumenti ai dipendenti è di per se legittima, ma sarà necessario fare particolare attenzione: poiché l’utilizzo di tali strumenti comporta la possibilità della acquisizione di informazioni sull’attività stessa da parte del datore di lavoro e poiché queste informazioni possono anche essere suscettibili di valutazioni ad esempio di natura disciplinare, la dotazione  presuppone che al lavoratore sia data adeguata informazione delle modalità d’uso degli strumenti e della effettuazione dei controlli, “nel rispetto di quanto disposto dal D.Lgs. n. 196/2003” (c.d. “Codice della privacy”).

Contatta lo Studio per approfondimenti.

Oderzo lì 09.09.16

                                                                                  Giulio Filipozzi

Lavoro

Comments are closed.

« »