Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

FOTO ARTICOLO
Vi aggiorniamo sui chiarimenti intervenuti dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro con circolare del 17 ottobre 2016 rispetto all’utilizzo dei Voucher.

OBBLIGO DI COMUNICAZIONE

A decorrere dal giorno 8 ottobre 2016, i datori di lavoro che ricorrono a prestazioni di lavoro accessorio devono effettuare una comunicazione via mail alla sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione.

CONTENUTO E FORMA DELLA COMUNICAZIONE

Per i datori di lavoro non agricoli, nel testo dell’ e-mail devono essere indicati:
•codice fiscale e ragione sociale del committente
•i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore
•il luogo della prestazione
•il giorno, l’ora di inizio e di fine della prestazione.

Per i datori di lavoro agricoli, devono essere indicati:
•codice fiscale e ragione sociale del committente
•i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore
•il luogo della prestazione
•la durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore ai 3 giorni dall’inizio della prestazione.

Le e-mail devono essere prive di qualunque allegato e riportare nell’oggetto codice fiscale e ragionale sociale del committente.

La modalità di invio della comunicazione tramite SMS al momento non è operativa.

A CHI INVIARE LA COMUNICAZIONE

La comunicazione dovrà essere inviata alla sede territoriale competente dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro all’indirizzo e-mail:
•Voucher.Treviso@ispettorato.gov.it
•Voucher.Pordenone@ispettorato.gov.it
•Voucher.Venezia@ispettorato.gov.it

SANZIONI

In caso di violazione degli obblighi di comunicazione, si applica la sanzione amministrativa da 400 a 2.400 euro in relazione a ciascun lavoratore per cui è stata omessa la comunicazione, in aggiunta alla maxi- sanzione per lavoro nero.

Lavoro

Comments are closed.

« »