Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

» Eventi e formazione

INTERVISTA A LAURA DALLA TORRE

Laura Dalla Torre: chi sei? Presentati.

Sono una donna per indole curiosa di conoscere, che affronta la vita professionale con passione inseguendo i propri sogni. Di certo una buona dose di determinazione mi ha permesso di raggiungere traguardi per me importanti e di fare esperienze assolutamente stimolanti.

Quando e come hai iniziato a fare questo lavoro?

Questo lavoro? Difficile dare una data di inizio a questo lavoro! Diciamo che la mia esperienza professionale è in continua evoluzione, faccio tesoro delle esperienze pregresse e, senza mai smettere di studiare, mi perfeziono e allargo i miei orizzonti.

Allora, cambiamo domanda: da quando fai parte della squadra dello Studio Filipozzi Dalla Torre?

Dal 1985, non ho fatto in tempo a finire le Scuole Superiori che ero già qui, partendo come tutti dalla gavetta! All’inizio i cedolini e le buste paga erano il mio pane quotidiano. Poi ho iniziato ad esercitare la professione di Consulente del Lavoro e con la laurea ho ampliato le mie competenze in materia giuslavoristica. In questi anni mi hanno affascinato in modo particolare l’interpretazione delle norme e la loro applicazione: riuscire a dirimere situazioni delicate evitando contenziosi e cercando di creare relazioni costruttive è sempre stata la mia “ossessione”.

E quindi, la svolta?

E quindi? Ho capito che mancava un tassello alla mia formazione professionale. Ho iniziato a guardare il “lavoratore” anche da un altro punto di vista: non solo da quello strettamente giuridico, ma anche dal punto di vista della sua gestione e delle relazioni interpersonali che si sviluppano all’interno di una realtà aziendale.

E cosa hai fatto per rafforzare questa nuova consapevolezza?

Sono tornata sui libri, con una maturità nuova, continuando sempre ad esercitare la mia professione. I due traguardi di cui vado più fiera sono il Master in Gestione e Amministrazione delle Risorse Umane e il percorso di Business Coach presso la Novaxia-Coaching University, certificata ICF.

È viva in me la curiosità di conoscere il Cliente con la Sua storia ed il Suo futuro, e mi diverto soprattutto ad affiancarlo nella sua crescita, aiutandolo nella gestione delle relazioni interpersonali e nell’organizzazione della struttura, attività che risultano ancor più strategiche nei momenti di crisi o di cambiamento.

E il tuo “vecchio” lavoro?

Sono ancora in grado di farlo! Continuo a tenermi aggiornata, ma lo Studio è cresciuto e fortunatamente posso contare su una squadra di validissimi professionisti. Ci sono anche altri Consulenti del Lavoro in Studio!

C’è qualche altra tappa della tua vita?

Beh, sicuramente nel mio percorso di crescita personale determinante è stata la partecipazione all’Accademia degli Imprenditori Liberi di San Marino. Da “Capitano Libero” posso dire che è un’esperienza molto forte, impegnativa, ma per me fondamentale. La consiglio caldamente!

E tra dieci anni come ti vedi?

Ancora carica di energie da convogliare solo in ciò che mi piace fare! Progetti e idee ne ho, sono sempre in movimento, ma non posso mica svelarli così!

Devi ringraziare qualcuno?

Tutti quelli che hanno creduto in me e che continuano a darmi fiducia, la mia famiglia e i miei soci in primis.
Un grazie anche a tutta la squadra dei trenta giocatori del nostro Studio con i quali stiamo condividendo dei progetti di crescita importanti e che con il loro impegno quotidiano ci aiutano a realizzarli.

A dire il vero, devo ringraziare anche me stessa per non aver mai mollato, anche nei momenti più difficili.

Ultima: ci saluti con una tua massima?

Cambiando si cresce, crescendo si vive.

Eventi e formazione

Comments are closed.

« »