Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

INCENTIVO OCCUPAZIONE NEET 2019

 Confermati gli incentivi per le assunzioni 2019
di giovani tra i 16 e i 29 anni
iscritti al programma «Garanzia Giovani».

La Legge di Bilancio per il 2019 ha prorogato anche per quest’anno l’incentivo «Occupazione Neet» riferito alle assunzioni di giovani tra i 16 e i 29 anni iscritti al programma «Garanzia Giovani» avvenute nel corso del 2019.
L’INPS, in una recente circolare, ha fornito le istruzioni operative per fruire correttamente dell’incentivo occupazione che consiste:

  • nell’esonero contributivo del 100% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro;
  • per un periodo di 12 mesi;
  • nel limite massimo di 8.060 euro annui.

DATORI DI LAVORO BENEFICIARI
Possono fruire di questa agevolazione i datori di lavoro privati (imprenditori, datori di lavoro agricoli, studi professionali, associazioni culturali, ONLUS, ecc.) che effettuano assunzioni

tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019;
senza esservi tenuti, ossia senza adempiere ad un obbligo contrattuale o di legge;
in una sede di lavoro ubicata nel territorio dello Stato, ad esclusione della provincia autonoma di Bolzano.
L’incentivo non trova applicazione per tutti gli enti della Pubblica Amministrazione e per i datori di lavoro domestico.
SOGGETTI CHE DANNO DIRITTO ALL’ESONERO
I soggetti portatori dell’agevolazione per i datori di lavoro sono i giovani

  • di età compresa tra i 16 e i 29 anni (i soggetti minori di 18 anni devono aver assolto all’obbligo scolastico);
  • iscritti al programma «Garanzia Giovani», cioè non iscritti a nessun percorso scolastico o formativo e privi di impiego.

RAPPORTI DI LAVORO INCENTIVATI
L’incentivo spetta per le assunzioni effettuate nel corso di tutto il 2019 avvenute

  • con contratto di apprendistato professionalizzante;
  • con contratto a tempo indeterminato, anche part-time.

L’incentivo NON spetta per le assunzioni avvenute

  • con contratto di apprendistato per la qualifica o il diploma professionale;
  • con contratto di apprendistato di alta formazione e di ricerca;
  • con contratto di lavoro domestico;
  • con contratto di lavoro intermittente;
  • con contratto di prestazione occasionale;

né per la trasformazione in contratto a tempo indeterminato di un precedente contratto a tempo determinato.

L’incentivo in esame rientra tra i c.d. “Aiuti di Stato” e può essere legittimamente fruito entro i limiti del regime “de minimis” di cui al Regolamento UE 1407/2013, oppure, anche oltre i limiti del regime “de minimis” a condizione che l’assunzione realizzi un incremento occupazionale netto e che, in caso di lavoratore di età tra i 25 e i 29 anni, ricorra almeno una delle seguenti condizioni:

  • lavoratore privo di impiego da almeno 6 mesi;
  • lavoratore con titolo di studio inferiore al diploma di istruzione secondaria di secondo grado o privo di qualifica o diploma professionale;
  • il lavoratore abbia completato la formazione a tempo pieno da non più di 2 anni e non abbia ancora trovato il primo impiego regolarmente retribuito;
  • il lavoratore sia occupato in settori dove il tasso di disparità media uomo-donna superi almeno del 25% la media nazionale.

Lavoro

Comments are closed.

« »