Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

Riepiloghiamo brevemente le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 (L. 302 del 28.12.2015) in materia di Imu e Tasi, in vigore dal 01.01.2016

Tasi410imu

 

Immobili in comodato: Riduzione al 50% della base imponibile Imu per immobili concessi a parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale. Il contratto di comodato deve però essere registrato e il comodante non deve possedere altri immobili, oltre all’abitazione principale, e deve risiedere nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato.

Terreni agricoli: Riconosciuta esenzione Imu per i terreni agricoli;

– ricadenti in aree montane o di collina;

– posseduti e condotti da coltivatori diretti/Iap iscritti alla previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione.

Esenzione Tasi abitazione principale: Disposta l’esenzione Tasi per gli immobili adibiti ad abitazione principale, purché non di lusso

Immobili locati a canone concordato: Per gli immobili a canone concordato, l’ammontare dell’Imu e della Tasi dovuta è ridotto del 25%.

Fabbricati “beni merce”: Ai fabbricati costruiti e destinati alla rivendita dall’impresa costruttrice, purché non locati, si applica una aliquota ridotta pari allo 0,10%. I Comuni possono aumentarla fino allo 0,25% o ridurla fino ad azzerarla.

Fiscale

Comments are closed.

« »