Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

soldiIL CONTRIBUTO OBBLIGATORIO

Come è noto, l’attuale normativa vigente obbliga tutte le imprese a versare mensilmente all’Inps il “contributo obbligatorio per la disoccupazione volontaria”, una quota pari allo 0,30% del monte salari dei propri dipendenti a finanziamento della formazione professionale dei lavoratori.

Suddetto contributo può essere conferito a specifici Fondi Interprofessionali per la formazione continua scelti dall’azienda.

collaborazione 2I FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI NAZIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA

Secondo quanto stabilito dall’art.118 della legge n. 388 del 2000 i Fondi paritetici interprofessionali nazionali per la formazione continua sono organismi di natura associativa creati al fine di finanziare piani di formazione professionale a favore dei dipendenti delle aziende aderenti.

L’istituzione di tali fondi avviene attraverso accordi interconfederali stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

I fondi attualmente esistenti sono numerosi e tra i più importanti figurano:

  • Formazienda – Fondo per la formazione continua nel comparto del commercio, del turismo, dei servizi, delle professioni e delle piccole e medie imprese;
  • Fondimpresa – Fondo per la formazione continua;
  • FOR.TE. – Fondo per la formazione continua del terziario;
  • Fondo Artigianato Formazione – Fondo per la formazione continua nelle imprese artigiane;
  • Fondoprofessioni – Fondo per la formazione continua negli Studi Professionali;
  • Fon.AR.Com. – Fondo per la formazione continua nei comparti del terziario, dell’artigianato e delle piccole e medie imprese.

La diffusione della formazione permanente, allo scopo di favorire un processo di innovazione e di sviluppo nel nostro sistema economico, è l’obbiettivo che il  legislatore si è prefissato con la previsione di tali fondi interprofessionali.

 

     FORMAZIENDA E IL CONTO AGGREGATO DI ATENA SPA

Formazienda iconaTra i vari fondi di formazione esistenti, lo Studio Filipozzi-Dalla Torre ha scelto in prima persona di aderire a FORMAZIENDA mediante la partecipazione ad un conto aggregato per la formazione costituito presso il fondo stesso.

 

atena             Il conto citato, “Conto Formazione di Sistema” o CFS, è un conto collettivo finalizzato a sostenere principalmente le imprese aderenti a Formazienda attraverso il finanziamento di progetti formativi, azioni di sistema, attività di studio. Capogruppo del conto aggregato CFS è ATENA SPA, azienda leader nell’ambito della formazione finanziata e nello sviluppo delle risorse umane.

 Ogni azienda ha la possibilità di aderire al fondo Formazienda gratuitamente. Il contributo pari allo 0,30% del monte salari dei propri dipendenti, che per obbligo di legge dev’essere versato all’Inps, verrà destinato a tale fondo mediante la denuncia contributiva mensile.

Lo Studio suggerisce di valutare l’opportunità di aderire a Formazienda e al conto aggregato di cui Atena Spa è capogruppo. Attraverso lo strumento del conto, infatti, l’azienda aderente potrà partecipare gratuitamente (o in alcuni casi previo versamento di una piccola quota) a corsi formativi organizzati da Atena, beneficiando pertanto di quanto versato per obbligo di legge e ottimizzando così le risorse finanziarie che rimarrebbero  altrimenti inutilizzate.

Per aderire a Formazienda e al conto aggregato citato è necessario  far pervenire allo Studio il documento  “mandato Atena per adesione Formazienda” firmato dal legale rappresentante. Lo Studio provvederà poi a trasmetterlo alla Società di formazione Atena Spa e ad iscrivere l’azienda al fondo attraverso la denuncia contributiva mensile.

Al fine di permettere ad ogni azienda di esprimere il proprio interesse per le diverse aree formative, si consiglia di leggere e compilare anche la “Check list Formazienda”. Successivamente, l’azienda  verrà contattata da Atena al fine di rilevare i bisogni formativi e definire i relativi piani.

Si ritiene utile, infine, allegare i calendari dei corsi formativi finanziati da Formazienda e organizzati da Atena Spa nelle sedi di Oderzo, Treviso, San Donà di Piave e Pordenone nel primo semestre 2015.

Clicca qui per scaricare:

Eventi

Comments are closed.

« »