Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA

Il 28 febbraio scade il termine per l’invio della dichiarazione Iva 2017 – periodo di imposta 2016.

Da quest’anno, infatti, la dichiarazione deve essere sempre inviata in forma autonoma, non essendo più previsto l’invio della dichiarazione in allegato al modello Unico (ora modello Redditi). Di contro è eliminato l’obbligo di invio della comunicazione dati Iva.

Che cos’è la dichiarazione IVA? E’ una dichiarazione con la quale i contribuenti titolari di Partita Iva indicano tutte le operazioni attive e passive effettuate nel corso dell’anno precedente a quello in cui si presenta il modello. Attraverso tale dichiarazione si determina inoltre il saldo Iva a credito o a debito dell’anno.

Restano invariate le modalità di compensazione del credito Iva:

libere fino a 5.000,00

per crediti superiori a 5.000,00 (ma entro 15.000,00) la compensazione deve essere preceduta dalla presentazione della dichiarazione Iva

per crediti superiori a 15.000,00 è necessaria la previa presentazione della dichiarazione Iva con il visto di conformità

In caso di rimborso Iva, invece, il DL 193/2016 ha innalzato da 15.000,00 a 30.000,00 la soglia massima di credito per il quale è necessaria la presentazione di garanzia o fideiussione bancaria.

Fiscale

Comments are closed.

« »