Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

MOZIONEFINALESTATIGENERALICDLCon la mozione finale «Per l’Italia contro le inefficienze del sistema» gli Stati Generali dei Consulenti del Lavoro denunciano l’inadeguatezza delle disposizioni e procedure ad oggi adottate per contrastare la crisi del lavoro scaturita dall’emergenza sanitaria da Covid-19.

In data 1 aprile 2020 si è tenuta una videoconferenza alla presenza di tutti i Consigli provinciali dell’Ordine e di tutti i dirigenti degli organismi di Categoria per un confronto sull’attuale contesto di crisi sanitaria ed economica.

Ne è uscita una mozione finale in cui si denuncia «l’inadeguatezza delle misure sinora adottate per la gestione della fase emergenziale».

In particolare si evidenzia «la mancata semplificazione delle procedure di ricorso agli ammortizzatori sociali, che sta comportando per i Consulenti del Lavoro un sovraccarico di adempimenti, reso ancora più gravoso dalla presenza di richieste sindacali irricevibili».

E ancora si lamenta «la concentrazione sull’INPS della gestione dell’intero sistema di misure a sostegno di cittadini e imprenditori, con ciò creando un carico amministrativo insostenibile per l’Ente, sotto il profilo organizzativo e informatico».

Tra le varie proposte e richieste che vengono avanzate, ci permettiamo di evidenziare l’ultima ovvero quella in cui si sottolinea che i Consulenti del Lavoro sono «impegnati senza sosta nelle procedure di richiesta delle integrazioni salariali, anch’essi vittime delle inefficienze del sistema e non responsabili dei ritardi e dei disguidi dello stesso».

A testimonianza di quanto sopra, alleghiamo qui la lettera della dott.ssa Marina Calderone, Presidente del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro, al nostro Ministro dell’Interno, On.le Prefetto Luciana Lamorgese, per chiedere un suo autorevole intervento anche «al fine di chiarire che alcuna responsabilità può essere attribuita ai Consulenti del Lavoro per ritardi imputabili alla complessità degli adempimenti burocratici… »

Per leggere per intero la mozione finale, clicca qui.

 

Lavoro

Comments are closed.

« »