Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

Untitled-1

 

Il Ministero del lavoro ha pubblicato sul sito cliclavoro 5 ulteriori Faq  in tema di lavoro accessorio.

I chiarimenti riguardano principalmente i datori di lavoro agricoli, per i quali si prevedono differenti prassi.

Le risposte del Ministero precisano che:

 – l’imprenditore agricolo, nell’ipotesi di impossibilità di esecuzione della prestazione (ad es. per causa intemperie o mancata presentazione del lavoratore), deve comunicare le variazioni e/o modifiche alla sede territoriale competente dell’Ispettorato nazionale del lavoro entro la giornata cui si riferiscono, poiché per l’imprenditore agricolo non è necessario comunicare gli orari di inizio e fine dell’attività;

– nei casi di prestazioni superiori ai 3 giorni, è consentito mantenere nell’applicativo Inps l’attuale assetto che consente all’imprenditore agricolo di effettuare un’unica registrazione per periodi non superiori a 30 giorni, in quanto solo la comunicazione all’INL soggiace a uno specifico obbligo di legge che limita a un arco temporale di 3 giorni la durata della prestazione oggetto di comunicazione;

– se il prestatore di lavoro accessorio svolge l’attività per l’intera la settimana dal lunedì al venerdì, i committenti agricoli possono effettuare una sola comunicazione alla sede territoriale competente dell’INL, con la specifica indicazione di più periodi, ciascuno non superiore a 3 giorni, con puntuale indicazione, per ognuno di essi, della durata della prestazione, ossia il numero di ore per le quali il committente prevede di impiegare il lavoratore;

– nel settore agricolo, in caso di necessità di integrazione della dichiarazione di inizio di attività indirizzata all’Inps, non è necessario procedere a una nuova comunicazione alla sede territoriale dell’INL. In particolare nel settore agricolo non dovranno essere oggetto di ulteriore comunicazione all’INL i dati riguardanti il prolungamento orario della prestazione non essendo richiesta l’indicazione di inizio e fine attività;

– nel caso di prestazione svolta in luoghi sempre diversi di consegna e prelievo di oggetti presso clienti/fornitori del committente, quale luogo di svolgimento della prestazione è sufficiente indicare la sede della ditta committente.

Lavoro

Comments are closed.

« »