Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

5 NOVITA’ DA TENERE IN CONSIDERAZIONE

In vigore le “Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro” D.Lgs 148/2015 in vigore dal 24/09/2015

Catena-di-montaggio_h_partb

 

1) Soggetti beneficiari: sono destinatari della nuova Cigo tutti i lavoratori assunti con contratto subordinato, compresi gli apprendisti con contratto professionalizzante ed esclusi i dirigenti e i lavoratori a domicilio, con un’anzianità di effettivo lavoro presso l’unità lavorativa per la quale si chiede l’intervento di almeno 90 giorni alla data di presentazione della relativa domanda di concessione (condizione non richiesta per la Cigo per eventi oggettivamente non evitabili nel settore industriale). A proposito di “lavoro effettivo”, il Ministero del Lavoro è intervenuto con la Circolare n. 24 del 5 ottobre, specificando che si computano le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla durata, compresi i periodi di sospensione dal lavoro derivanti da ferie, festività, infortuni e anche i periodi di astensione per maternità obbligatoria.

Restano sostanzialmente immutati sia il campo di applicazione delle aziende destinatarie del trattamento sia le causali d’accesso:

 

AZIENDE

– le imprese industriali (per il settore edile e dei materiali lapidei – aziende industriali e artigiane operanti nel settore dell’edilizia e affini, ad esempio, oltre quelle dedite a costruzioni edili, le aziende di costruzione stradali, ferroviarie, tramviarie, idrauliche, esercenti linee elettriche e telefoniche, nonché di opere per acquedotti, gas e fognature – aziende industriali esercenti le attività di escavazione e lavorazione di materiali lapidei).

– le industrie boschive, forestali e del tabacco

– le imprese ferroviarie, tramviarie e di navigazione interna, limitatamente agli addetti alle attività di natura industriale, estranee al compito di esercenti il trasporto, eventualmente esercitate

– le imprese appaltatrici di servizi ausiliari dell’esercizio delle ferrovie, delle tramvie e della navigazione interna

– le imprese esercenti la frangitura delle olive per conto terzi

– le imprese di essiccazione dei bozzoli

– le imprese esercenti sviluppo e stampa di pellicole cinematografiche e distribuzione e noleggio di films

– le imprese industriali di installazione di impianti idrotermosanitari

– le imprese agricole cooperative e loro consorzi che trasformano, manipolano e commercializzano prodotti agricoli e zootecnici, per i soli dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

 

CAUSALI

situazioni aziendali dovute ad eventi transitori e non imputabili all’impresa o ai dipendenti

(incluse le intemperie stagionali);

situazioni temporanee di mercato.

 

Viene confermata la misura dell’indennità salariale nell’80% della retribuzione globale che sarebbe spettata al lavoratore per le ore di lavoro non prestate, nel limite degli importi massimi mensili stabiliti dall’INPS.

Rimane fermo il limite di utilizzo massimo della Cigo in 13 settimane consecutive, prorogabili trimestralmente fino ad un massimo complessivo di 52 settimane:

– se la fruizione delle 52 settimane avviene consecutivamente, una nuova domanda di Cigo per la medesima unità produttiva può essere presentata solo decorsi 12 mesi di normale attività lavorativa;

– se, invece, l’integrazione è concessa per periodi non consecutivi, il limite massimo è pari a 52 settimane nel biennio mobile.

Riassicurazione credito PMI_h (1)

 

2) Durata complessiva dei trattamenti integrativi: il trattamento di Cigo e Cigs, per ciascuna unità produttiva, non può superare la durata massima complessiva di 24 mesi in un quinquennio mobile. Per le imprese dell’edilizia e affini e per le imprese che svolgono attività di escavazione e/o di lavorazione di materiali lapidei la durata massima complessiva è elevata a 30 mesi nel quinquennio mobile.

 

3) Nuovo meccanismo di contingentamento delle ore di Cigo autorizzabili: sul punto il D.Lgs. prevede che non possono essere concesse ore di trattamento ordinario eccedenti il limite di un terzo delle ore lavorabili ordinarie nel biennio mobile, con riferimento a tutti i lavoratori dell’unità produttiva mediamente occupati nel semestre precedente la domanda di Cigo stessa.

 

4) Procedure di accesso: molto più ristrette nelle tempistiche rispetto al passato. Sebbene la fase di informazione e consultazione sindacale sia rimasta sostanzialmente immutata, per gli eventi di sospensione/riduzione dell’attività lavorativa successivi il 24 settembre 2015, vi saranno solo 15 giorni di tempo dall’inizio della sospensione del lavoro per inviare la domanda di concessione del trattamento in via telematica all’INPS.

 

5) Il nuovo contributo addizionale a carico delle imprese (9% fino a 52 settimane, 12% fino a 104 settimane, 15% oltre le 104 settimane).

Lavoro

Comments are closed.

« »