Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

Untitled-1

Il “vecchio modello Unico” da quest’anno si chiamerà modello Redditi: il cambiamento è dovuto al fatto che la dichiarazione Iva non potrà essere più presentata in forma unificata insieme alla dichiarazione dei redditi.

Le novità principali riguardano: detrazione 50% dell’Iva sull’acquisto abitazioni in classe A (redditi PF), eliminazione indicazione costi black list (redditi SC e SP), super-ammortamento, novità Ace (redditi SP).

Cambia anche il calendario fiscale: il termine del pagamento delle imposte dovute sarà fissato al 30 giugno (in precedenza la data era il 16 giugno), ovvero al 30 luglio con la maggiorazione dello 0,40%.

Rimane invece invariato il termine di versamento di Imu e Tasi.

L’invio della dichiarazione è invece fissato entro il 2 ottobre (il 30 settembre cade di sabato).

Nuovi termini, infine, anche per le dichiarazioni integrative a favore, che potranno essere inviate entro il termine fissato per l’accertamento.

Fiscale

Comments are closed.

« »