FRINGE BENEFIT 2024: LE NOVITÀ DA SAPERE

Fringe Benefit 2024

FRINGE BENEFIT 2024: LE NOVITÀ DA SAPERE

Fringe Benefit 2024

VUOI CONOSCERE LE NOVITÀ PER EROGARE DEI BENEFIT AI TUOI DIPENDENTI NEL 2024?

SCOPRI QUI SOTTO COSA POTER FARE E COME

La legge di Bilancio 2024, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2023, ha stabilito nuovi limiti di esenzione per il 2024 e alcune novità rispetto alle somme erogate o rimborsate ai lavoratori.

Fino al prossimo 31 dicembre 2024

i benefit (esempio: buoni acquisto, buoni spesa supermercato, buoni carburante, ecc..)

  • possono essere erogati ai lavoratori dipendenti senza figli a carico, per un importo esente fino ai 1.000 euro annui NOVITÀ!;
  • possono essere erogati ai lavoratori dipendenti con figli fiscalmente a carico per un importo esente fino a 2.000 euro annui NOVITÀ!.

Nelle somme indicate possono rientrare, come per il 2023, anche i rimborsi da parte del datore di lavoro per il pagamento di bollette di acqua, luce e gas.

NOVITÀ! Per il 2024 possono rientrare anche le somme erogate o rimborsate per le spese di affitto della prima casa e gli interessi sul mutuo relativo alla prima casa

!!! Ai fini dell’esenzione devono essere conteggiati, come di consueto, tutti i beni e servizi concessi dall’azienda ad esempio:

  • l’auto concessa ad uso promiscuo;
  • l’alloggio concesso in locazione, in uso o in comodato;
  • i prestiti aziendali;
  • l’uso di specifici beni di proprietà dell’azienda quali telefono aziendale, pc, tablet, stampanti o altri dispositivi elettronici aziendali;
  • le polizze assicurative extra professionali;
  • le ceste natalizie ecc.

e anche quelli previsti dall’eventuale regolamento welfare aziendale.

Quali adempimenti sono previsti per erogare i benefit?

Se si tratta di benefit per i dipendenti senza figli a carico o con figli ma entro la soglia dei 1.000 euro, nessun adempimento in particolare.
Ricordati, però, di comunicare allo Studio il tipo di bene e/o di servizio erogato, la data di erogazione e l’importo.
Ci servirà per la registrazione a Libro Unico del Lavoro.


Se si tratta di benefit per i dipendenti con figli a carico di valore superiore al tetto dei 1.000, per poter applicare la soglia di esenzione estesa fino ai 2.000 euro è necessaria la sottoscrizione di una dichiarazione da parte del lavoratore, nella quale dichiara di avervi diritto indicando il codice fiscale dei figli.