Questo sito utilizza i cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI

PRIVACY CENTER

Al fine di migliorare la navigazione del sito, vengono utilizzati i cookie per ricordare i dettagli di accesso e garantire un accesso sicuro e raccogliere statistiche per l’ottimizzazione delle funzionalità del sito.
Questi cookie consentono di analizzare l’uso del sito per misurare e migliorare le prestazioni. Sono utilizzati per analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito www.filipozzi.it. Lo Studio tratta i risultati di queste analisi statistiche in maniera anonima.

FATTURAZIONE_ELETTRONICA_sito

Fatturazione elettronica obbligatoria
verso aziende e privati

A partire dal 1 gennaio 2019 la fatturazione elettronica sarà obbligatoria per la totalità dei soggetti titolari di partita IVA (ad eccezione di soggetti in regime dei minimi o forfettario), anche per le fatture emesse nei confronti di soggetti non titolari di partita IVA.

Da tale data tutte le fatture (e non solo quelle emesse verso le Pubbliche Amministrazioni) devono essere emesse in formato elettronico (in formato xml) ed inviate attraverso il Sistema di Interscambio (SDI) o via PEC; dovranno inoltre essere conservate in maniera sostitutiva digitale.

La fattura elettronica può essere emessa direttamente dal cedente/prestatore oppure attraverso eventuali intermediari, quali un terzo che emette per conto del fornitore (per esempio: provider, software house, commercialista, ecc.) o dallo stesso cliente per conto del fornitore.
In ogni caso, nel processo di fatturazione elettronica tra privati, le responsabilità relative al contenuto della fattura sono sempre imputabili al cedente/prestatore.

Si precisa che tale obbligo vige nei confronti di soggetti residenti in Italia.

E, quindi, nel caso di fatture emesse a soggetti esteri?
Non è obbligatorio emettere una fattura elettronica.
È, però, possibile evitare l’adempimento dello spesometro procedendo ugualmente con la fatturazione elettronica, e avendo l’attenzione, nell’invio allo SDI (Sistema di Interscambio), di indicare nel campo <CodiceDestinatario> il codice convenzionale “XXXXXXX”.

Il nostro Studio, consapevole del cambiamento radicale che questo nuovo adempimento comporta, affianca i propri Clienti proponendo una soluzione che consente di assolvere a tutti gli obblighi previsti grazie a un unico software disponibile senza installazioni, ma completamente online.

Vuoi saperne di più? Non esitare a contattarci!

 

Fiscale

Comments are closed.

« »